Lasciar andare

In questi giorni di freddo autunnale, la natura ci offre un bell’insegnamento che dà da pensare: al termine del periodo estivo le piante sanno abbandonare le foglie morte, che, rinsecchite, restano ancora aggrappate ai rami, come lontani ricordi di giornate calde ormai passate. Ciò che è morto, passato, rinsecchito merita di essere lasciato, senza rimpianti, senza tentennamenti, senza riserve. Solo perdendo ciò che è morto, la pianta spera di ricevere nuova vita nella successiva primavera. La pianta si mostra così docile ed obbediente a chiudere il cerchio dell’esistenza, in cui morte e vita si alternano nella danza della Vita. Morte e Vita, nascita e lutto, crescita e perdita, si offrono come manifestazioni dello stesso Mistero, come attori dello stesso dramma, come variazioni dello stesso tema.

Quante “foglie secche” tratteniamo incollate ossessivamente alle nostre vite? A quante esperienze, a quanti ricordi, a quanti pezzi di noi stessi sarebbe bello poter dire addio? Da quante cose sarebbe bello potersi congedare senza rimpianti? Quante soffitte stracariche di bauli vecchi e ormai impolverati, da cui non riusciamo a separarci ? Tratteniamo tutto come per un senso di custodia personale..custodiamo tutto senza accorgersi che spesso di queste cose siamo inconsapevoli ostaggi… Siamo strenuamente attaccati a cose da cui forse sarebbe meglio accomiatarsi.

Impariamo dall’albero: non teme di perdere ciò che è morto, per poter ricevere, a suo tempo, Vita Nuova.
 
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...