guerriglia nell’anima – ripresa

In risposta al mio post “guerriglia nell’anima” ho ricevuto questo commento. Volentieri e con riconoscenza oggi lascio la parola.

E di cosa ci parla la nostra fragilità?
Ci parla di noi stessi, ci mostra la parte di noi che fatichiamo ad accettare…
Perché forse abbiamo ambizioni di perfezione, non vorremmo sbagliare mai, mostrarci deboli, insicuri, non all’altezza di ogni persona e di ogni situazione…
Credo sia da individuare nell’errore della pretesa, un vero virus mentale, credo fosse il peggiore dei numerosi virus mentali che ho imparato a conoscere in me.
L’ho coltivato dentro di me e ne sono divenuta schiava, accorgendomi poi di quanto fosse fasulla la sua promessa… Mi sono trovata costretta a combatterci contro, per estirparlo, ma anche qui mi sbagliavo. La vera vittoria sta nella trasformazione, non nell’eliminazione… Impegno arduo e talvolta doloroso, ma l’unica via per riprendere possesso di se stessi, senza lasciarsi dominare dalla parte (o parti) fragile di noi.

Io la chiamavo “ombra”…
La sentivo nettamente dentro di me.
Era la parte che non mi faceva volare, che mi faceva stare a terra, che minava ogni mio desiderio di pace insinuandosi nelle pieghe più sensibili della mia anima…
Mi faceva tanto male…. un dolore fisico, dentro il petto, il cuore… mi convinceva che non potevo vivere una vita gioiosa… Annullava la speranza.

Anch’io sono arrivata alla stessa tregua cui sei arrivato tu.
Ho imparato a riconoscerla, accettarla, capirla… ho provato ad usare le sue armi per tenerla a bada e illuderla che ero sua alleata… La coccolavo un po’ cercando la strada per una riconciliazione…Pregavo… provavo ad ignorarla a volte, quanta inquietudine che mi ha provocato…

Sai qual è la cosa peggiore ?
Non tanto il fatto di avere queste fragilità e di lottare contro di esse, quanto il fatto di esserne consapevoli, come se avessimo il dono (o la sfortuna) di riuscire a vederci da fuori, come persone altre da noi…Tutti hanno le fragilità (l’ombra), non tutti ne sono consapevoli.

E’ molto importante dire quel che si prova.
Prendi la tua fragilità e la metti lì su un tavolo, su una bacheca virtuale, a comunichi ad altri, la condividi…
Non fai il suo gioco.
Lei preferirebbe stare lì dentro di te a logorarti, invisibile al mondo e indisturbata.
E invece tu la tiri fuori…
E le dimostri che il valore non si misura sulle fragilità che uno possiede, ma sul coraggio e sulla forza di (re)agire nonostante e indipendentemente da esse.

Sono le scelte che facciamo che dimostrano quel che siamo veramente…

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...