la tua rosa

Ci sono molte cose che abbiamo a cuore: sono le persone che amiamo, gli amici con cui condividiamo un legame, degli interessi, un pezzo di vita; sono le persone di cui ci prendiamo cura, quelle per cui ci preoccupiamo e per le quali preghiamo, gioendo dei loro successi e soffrendo delle loro sconfitte. Poi ci sono anche esperienze e tempi che conserviamo con una particolare attenzione: sono quei momenti che ci permettono di essere noi stessi, quelli che ci rigenerano e che ci danno nuova linfa per continuare. In questo “cofanetto delle cose preziose” sono poi contenuti i tanti luoghi a cui siamo affezionati: posti dove siamo vissuti, che abbiamo visitato o in cui siamo stati in vacanza: sono luoghi speciali nei quali ci sentiamo a casa, sereni, riconciliati; in questa geografia personale non mancano quei posti che hanno segnato la nostra vita: un bacio, un’amicizia, una litigata, una chiacchierata, una serata insieme…In un certo qual senso apparteniamo a tutte queste cose e esse appartengono a noi: sono parti indelebili delle nostre vite, mattoni indispensabili della nostra identità, parti senza le quali semplicemente non saremmo noi, non avremmo la stessa storia, gli stessi pensieri, gli stessi sogni.

Le cose che amiamo sono quelle cose che spiegano chi siamo e perché lo siamo; raccontano di noi, parlano della nostra vita molto più che tante autobiografie e autoritratti. I volti che abbiamo incontrato, o che continuamente incrociamo, narrano la nostra storia , ci riflettono la nostra identità, rispecchiano chi siamo come uno specchio molto più fedele delle parole. Ma cosa rende queste cose cosi’ speciali? Da dove nasce il loro valore inestimabile, il loro essere cose “nostre”, intime, personali?

Il tempo che hai perso per la tua rosa è ciò che fa la tua rosa tanto importante” dice la volpe al Piccolo Principe nel famosissimo racconto di Saint Exupery..già..”il tempo che tu hai perduto”.. Nella sua geniale semplicità e profondità temo che il Piccolo Principe ci sveli una cosa essenziale: le cose diventano preziose perché con loro abbiamo “perso tempo”, cioè abbiamo investito il bene più prezioso che disponiamo: i nostri giorni. Come a dire: le cose talvolta non hanno un intrinseco valore ma esso nasce dal “peso” che noi gli riconosciamo e gli assegniamo.

Quanti volti nella nostra vita diventano speciali proprio in virtù del tempo che abbiamo trascorso, dei dialoghi che abbiamo fatto, dei momenti che abbiamo condiviso ? Quante persone apparentemente anonime e “comuni” hanno un posto speciale nelle nostra vita proprio a motivo dei minuti trascorsi insieme?

Il nostro tempo ha una capacità “elettiva”, il dono di rendere straordinarie le cose feriali, di trasformare volti comuni in gente di casa.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...