guaritori feriti

Il modo migliore per provare a guarire gli altri è quello di mettersi in contatto con la propria fragilità, di ricordarla, di abbracciarla, di averla lì presente quando ti avvicini a qualcuno.
Forse solo custodendo le proprie ferite è possibile almeno tentare di avvicinare le ferite altrui.

Le nostre e le altrui ferite potranno anche essere diverse, frutto di differenti storie e personali cadute: ma sarà il comune dolore nella carne ad avvicinarci, a farci sentire fratelli, simili, uomini che patiscono il comune patire della Vita. Potranno nascere così parole, sguardi e tocchi densi di senso e di sensi.

Amo molto queste parole di Elisabeth Kubler-Ross:

“Le persone più belle che abbiamo conosciuto sono quelle che hanno conosciuto la sconfitta, la sofferenza, lo sforzo, la perdita e hanno trovato la loro via per uscire dal buio. Queste persone hanno una stima, una sensibilità e una comprensione della vita che li riempie di gentilezza ed un interesse di profondo amore. Le persone belle non capitano semplicemente; si sono formate”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...