questione di stile

Spesso abitare questo mondo è tutta questione di stile. Paolo, nella liturgia di oggi, ci suggerisce tre atteggiamenti: sobrietà, giustizia e pietà. Non male come programma, eh? Mi piace come stile di vita sano e virtuoso. Probabilmente non è proprio popolare e alla moda oggi, ma, a ben vedere, ha il suo fascino.

La sobrietà è vivere la vita con moderazione, senza la smania di avere a tutti i costi o di possedere tutti i beni; non è la virtù del misero, ma di chi sa dare il giusto valore alle cose. In fondo chi pretende “troppo” spesso lo fa perché tende a compensare con la quantità una incapacità di stimare le cose; le cose sono molto preziose quindi ne bastano poche…

Essere sobri è privilegiare un’attenzione all’essere rispetto all’avere, è evitare che le cose possano compensare tante carenze esistenziali, con soddisfazioni che sono effimere e di poco valore; è non lasciarsi invadere la vita, lo spirito ed il cuore da troppi oggetti…cose che non scaldano, non entusiasmano, non indicano un senso o una direzione..spesso cose che diventano una pesante zavorra per il cammino, cose che rallentano il passo, affaticano e generano preoccupazioni e affanni.

Mi piace quanto scrisse Fabrizio De Andrè: “quello che non ho, è quello che non mi manca”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...