sporgenze sul Mistero

Per sopravvivere abbiamo bisogno della bellezza; per vivere la nostra vita da esseri umani su questa terra abbiamo esigenza di fare l’esperienza del bello, di incontralo, di vederlo faccia a faccia e sentire come esso sia capace di entrare nel nostro cuore e di scaldare ed illuminare la nostra esistenza. Il bello ha in sé qualcosa di vitale, come l’aria che respiriamo ed il cibo di cui ci sfamiamo: proprio la sua apparente inutilità ce lo rende prezioso e necessario, qualcosa di cui non possiamo fare a meno.

La bellezza sa strapparci da quella dimensione di necessità ed utilità che guida la nostra vita e che preside alle nostre scelte e alle nostre abitudini; il bello sa rompere il fluire necessario delle cose per irrompere come qualcosa di inatteso e spiazzante. La bellezza ci porta altrove, apre nuovi orizzonti, spalancano nuovi sensi e genera nuovi significati.

C’è una strana sintonia che si instaura tra il bello che c’è fuori e quello che scopriamo dentro il nostro animo, come fossero due facce della medesima medaglia o come i due polmoni che portiamo nel petto. Godere della bellezza fuori di noi riattiva una rigenerazione di quella bellezza che portiamo dentro; il nostro animo torna a respirare, essa dilata il proprio sentire ed illumina il nostro mondo interiore. La bellezza ha una sua naturale capacità di parlare al nostro cuore, non richiede mediazioni o traduzioni; essa giunge a noi, ci interpella e sollecita le nostre corde. La bellezza che ci circonda crea singolari risonanze nelle nostre anime, echi intensi che da fuori giungono dentro e lì rimbalzano nei antri dell’anima, risvegliando la nostra umanità sopita.

La bellezza nasce dai nostri sensi, come una testimonianza fisica che ci radica alla nostra umanità carnale; essa tuttavia diviene subito qualcosa di “più” e di diverso: i sensi diventano porta di accesso all’anima e così la bellezza diviene qualcosa di “spirituale”, ossia capace di parlare alla pienezza della nostra vita e al senso che da essa traiamo e che ad essa diamo.

La bellezza sa condurci, passo dopo passo, a quella parte della nostra vita che sporge sul Mistero.

L’immagine è la Galleria Grande della Reggia di Venaria Reale

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...