sentirsi a casa

Vivere in albergo crea un senso di estraneità, di una novità che un poco disturba e infastidisce: non hai le tue cose, oppure esse non sono al loro solito posto. Mancano i ritmi di sempre, quei gesti che compi ogni giorno quando ti svegli o quando sei a tavola. Ti manca il tuo posto sul divano, il tuo cuscino preferito, il telecomando che ormai controlli ad occhi chiusi. Non ti puoi muovere al buio in ogni locale poiché ne conosci ogni singolo centimetro, né aprire l’armadio sapendo esattamente l’ordine delle cose che troverai.

Tuttavia mi accade una cosa singolare: mi rendo conto che dormendo spesso nello stesso albergo (dove, come in ogni albergo, le camere si assomigliano tutte) inizi a crearti i tuoi piccoli riti: cominci a compiere gesti nello stesso medesimo modo, ripeti dei movimenti e, in fondo, acquisisci delle abitudini. Così a colazione ti siedi spesso nello stesso posto, prendi le stesse cosa da mangiare, disponi i vestiti nell’armadio seguendo una logica ormai collaudata e lo spazzolino ed il dentifricio guadagnano una loro posizione sul lavandino. Queste cose, che a prima vista fanno un po’ sorridere, ci aiutano a sentirci un po’ meno ospiti dello spazio che abitiamo,  meno stranieri, un po’ più “a casa”

Non succede solo in albergo; forse lì la cosa è più appariscente, ma credo sia un fatto naturale nella nostra vita.

Noi non “stiamo” nello spazio come un tavolo o una sedia; noi “abitiamo” lo spazio nel senso che lo rendiamo un luogo familiare, consueto ed affidabile. Lo spazio diventa un ambiente abitabile perché ci sono cose che riconosciamo come fidate e sicure, non minacciose. In fondo c’è molto di noi nell’ordine delle camicie nell’armadio e nella posizione dello spazzolino sul lavandino. Dicono il modo in cui lo spazio “geometrico” diviene una casa, un nido in cui ci sentiamo bene, tranquilli, protetti e rassicurati.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...